Home » La Banca » News

News

L'ARTE DI INVESTIRE IN ARTE
Data pubblicazione : 17/04/2019

La Cassa di Risparmio di Fermo ha organizzato a Pescara l’incontro “L’Arte di investire in Arte”.

Alberto Fiz e Marina Mojana, importanti critici d’arte, hanno dialogato con Giuliana Setari Carusi, collezionista riconosciuta a livello internazionale e Presidente della Fondazione Pistoletto e di Dena Foundation for Contemporary Art.

L’Amministratore Delegato della Carifermo Alessandra Vitali Rosati insieme al Responsabile per l’Abruzzo Fabrizio Ranalli hanno portato il saluto della Banca e presentato le finalità dell’iniziativa dell’iniziativa: rafforzare il rapporto di fiducia con gli amici e i Clienti dell’Abruzzo, dove Carifermo è presente da molti anni.

 

I relatori hanno parlato dei meccanismi del sistema dell’arte, fornendo suggerimenti per avvicinare i neofiti al mercato e confrontandosi con gli appassionati.

Anche il mercato dell’Arte ha subito le conseguenze della crisi, infatti tutti i segmenti, dai fondi oro ai giovani artisti del Terzo Millennio, passando attraverso l’arte italiana della prima metà del ‘900,  sono ampiamente sottovalutati.

 

La testimonianza della dott. Setari ha fatto emergere l’importanza del ruolo di una collezionista illuminata che oltre a prestare e donare le sue opere, si occupa di committenze e di sostegno ai giovani emergenti attraverso Borse di studio.

Le numerose domande del pubblico hanno evidenziato un forte interesse sul tema.

 

 arteinvestirearte

 

Questa notizia è stata visualizzata 27 volte
indietro

Trasparenza  -  Privacy  -  Reclami  -  Mappa del sito

Cassa di Risparmio di Fermo S.p.a. - Via Don Ernesto Ricci, 1 - 63900 FERMO (FM)
Capitale Sociale € 39.241.087,50 i.v. - Numero iscrizione registro imprese di Fermo e Codice fiscale e Partita i.v.a. 00112540448
Tel. 0734 286.1 – Telefax 0734 286 201 - PEC: direzione.carifermo@legalmail.it - Swift CRFE IT 3F
Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia



questo sito è conforme alla legge 4/2004