Home » La Banca » News

News

Carifermo a Riabita 2018
Data pubblicazione : 08/11/2018

Nell’ambito di Riabita 2018 il 9 novembre al Fermo Forum, la Cassa di Risparmio di Fermo fa il punto sul proprio intervento di recupero della Chiesa del Santuario dell’Ambro.

Nel corso del seminario, organizzato da Mapei e patrocinato dagli Ordini degli Ingegneri (di Fermo e Macerata), dall’Ordine degli Architetti di Fermo e dal collegio dei Geometri di Fermo, interverrà Amedeo Grilli Presidente di Carifermo Spa che parlerà del progetto Ambro illustrando le modalità adottate per il recupero di un edificio nell’area più colpita dal sisma, aggiornando all’attuale lo stato delle lavorazioni e le prospettive per una sollecita riapertura dell’importante bene culturale. Per la realizzazione dell’opera la Cassa di Risparmio di Fermo si è avvalsa del partner tecnico Mapei, azienda primaria fortemente vocata alla specializzazione nel mondo dell’edilizia. Le tecnologie adottate e la modalità dell’intervento costituiscono un esempio che può essere assunto alla base di molte attività tipiche di recupero di edifici, opere murarie e strutturali danneggiate dallo sciame sismico iniziato nell’agosto 2016. La Cassa di Risparmio di Fermo ha voluto concretamente misurarsi in un intervento esemplare e dimostrare l’utilità di un progetto di recupero di beni culturali, realizzandolo in tempi certi, con maestranze locali, adottando tecnologie consolidate e sperimentate da una grande azienda internazionale.

imgserver

Questa notizia è stata visualizzata 17 volte
indietro

Trasparenza  -  Privacy  -  Reclami  -  Mappa del sito

Cassa di Risparmio di Fermo S.p.a. - Via Don Ernesto Ricci, 1 - 63900 FERMO (FM)
Capitale Sociale € 39.241.087,50 i.v. - Numero iscrizione registro imprese di Fermo e Codice fiscale e Partita i.v.a. 00112540448
Tel. 0734 286.1 – Telefax 0734 286 201 - PEC: direzione.carifermo@legalmail.it - Swift CRFE IT 3F
Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e al Fondo Nazionale di Garanzia



questo sito è conforme alla legge 4/2004